Il disturbo bipolare, una descrizione psicologica

 

Molto spesso si sente parlare di Disturbo bipolare, che attualmente sembra essere una diagnosi sempre più frequente anche nei servizi, sebbene non sempre usata in maniera pertinente; ma cosa si intende con questo termine?
Per disturbo bipolare si può intendere una disturbo dell’umore (e quindi dello stato emotivo) dove la persona alterna momenti di grande euforia, entusiasmo ed energia (fase maniacale) a momenti in cui invece tutto diventa molto rallentato, triste e vuoto (fase depressiva). Sebbene ognuno di noi abbia delle oscillazioni nel proprio umore (oscillazioni o verso l’alto o verso il basso), nel caso del disturbo bipolare queste 2 fasi sono molto pronunciate e forti, arrivando a compromettere la vita del soggetto. Nella fase maniacale la persona ha un sentimento di sé grandioso, un’autostima molto grande ed elevata. Il bisogno di dormire diminuisce, si è pieni di energia e si tende a parlare più del solito. Tutta la vita del soggetto sembra avere dei ritmi molto più veloci e frenetici, gli stessi pensieri scorrono veloci, fuggono rapidamente, anche la capacità di concentrarsi diminuisce, la mente viene assorbita facilmente dagli stimoli esterni.

Il disturbo bipolare: le sue oscillazioni e le cause
Nella fase maniacale si ha un aumento delle attività sociali o lavorative, si fanno grandi investimenti, si compra vestiti o altre merci con grande facilità, si tende a fare sport in maniera eccessiva, senza però sentire la stanchezza. È come se la persona diventasse un treno sempre più veloce e fuori controllo, fino a quando la situazione crolla, e la persona cade in una fase depressiva, con sentimenti di stanchezza, vuoto, tristezza e fallimento.
Si perde improvvisamente gli interessi che prima assorbivano tanto il soggetto, i ritmi di vita e le attività subiscono un forte calo, c’è un sentimento di stanchezza, non si vuole aver a che fare con gli altri, l’autostima improvvisamente crolla, si pensa di non valer più niente. Attualmente le ricerche sul disturbo bipolare tendono ad attribuire una certa importanza ai fattori genetici, per quanto le cause siano da ricercare in un insieme di condizioni genetiche, biologiche, sociali e familiari. Ridurre il disturbo bipolare ad una condizione genetica rischia di essere molto rischioso a livello terapeutico. Per quel che riguarda la terapia il disturbo bipolare può aver bisogno di un sostegno farmacologico, ossia degli stabilizzatori dell’umore. Gli stabilizzatori dell’umore sono dei farmaci in grado di ridurre i picchi dell’umore (sia verso l’alto che verso il basso), condizione che permette successivamente di intervenire anche con una psicoterapia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...