6 pensieri su “C’era una volta lo Psichiatra, lo Psicologo e lo Psicoterapeuta

  1. “La differenza fra gli psichiatri e gli altri psicopatici è un po’ come il rapporto tra follia convessa e follia concava.” (Karl Kraus)

    “La psicoanalisi è quella malattia mentale di cui ritiene di essere la terapia.” (Karl Kraus)

    “La psicoanalisi è il mestiere di lascivi razionalisti che riconducono a cause sessuali tutto quel che esiste al mondo, salvo il loro mestiere.” (Karl Kraus)

    Questo diceva Kraus un secolo fa. Chissà cosa direbbe oggi. Mistero. Buona giornata.

    Mi piace

    1. Per diversi aspetti concordo con queste critiche di Karl Kraus, che accolgo con piacere, era veramente una bella mente.
      La Psicoanalisi fatta in maniera selvaggia e intellettualizzata rischia di essere un auto-inganno, un cane che si morde la coda. A circa 140 anni di distanza dalla sua nascita sono stati fatti molti passi avanti, un buon percorso terapeutico fatto con un professionista serio e di buon senso può fare la differenza e permettere alla persona di stare meglio, per quanto non penso sia possibile raggiungere la felicità assoluta. Detto questo il mio articolo non prendeva in considerazione gli psicoanalisti.
      Per quel che riguarda gli psichiatri il contesto e l’epoca in cui scriveva Kraus era caratterizzato da effettivi e vistosi limiti nella condotta professionale di molti psichiatri. Fortunatamente un secolo dopo sono cambiate (alcune) cose, e se ci sono ancora degli psichiatri dalle visioni e le condotte limitate, è anche vero che ci sono altrettanti professionisti preparati ed in grado di aiutare i loro pazienti, mi sento di dire ciò alla luce della mia pratica clinica e collaborazione con gli psichiatri stessi. Detto questo la ringrazio molto per le sue osservazioni e spunti, il dibattito delle menti è ciò che più serve per provare a progredire, la divergenza di opinioni è assolutamente utile al miglioramento del sapere, a patto che ci sia la capacità di ascoltare le reciproche posizioni.

      Buona giornata

      Mi piace

      1. Kraus; ho riportato i suoi pensieri, nonostante oggi (come lei ben chiarisce) siano da prendere con le molle, perché mi è simpatico, un grande, polemico contro tutto e tutti, una mente acutissima che un secolo fa scriveva cose (che condivido totalmente) che sono ancora attualissime, specie sulla stampa, l’informazione e la cultura in generale. Chissà cosa scriverebbe oggi sulla diffusione dei mass media, di internet, dei social, sulla generale sciatteria dell’informazione, sul dilagare di una cultura popolare che è l’altro nome dell’ignoranza diffusa, sul proliferare di riviste gossipare piene di scandali, scandaletti, pettegolezzi da lavandaie sulle peripezie affettive sentimentali di personaggi dello spettacolo di cui non importa niente a nessuno; se non a chi ne parla e ne scrive, perché ci campa. In fondo, dai tempi di Kraus non è cambiato molto. E quello che è cambiato è cambiato in peggio. Buona serata.

        Mi piace

  2. Io, invece, penso questo. La psicologia è quella ” scienza ” che cerca di convincervi che l’insofferenza verso la stupidità del mondo, che causa il vostro malessere esistenziale, sia una forma di psicopatologia e vi convince della necessità, per curarla, di sottoporvi a lunghe e costose terapie. Raramente risolve il problema perché, invece che affrontare la causa del male (esterna al paziente, quindi ineliminabile), cerca di curare gli effetti e alleviare i sintomi; il mondo resta stupido tale e quale, e voi vi tenete il malessere. Come dire che se un cane ha le pulci, invece che eliminare le pulci, si cerca di convincerlo a conviverci e sopportarle pazientemente. Non sempre, ma talvolta è così! Buona giornata.

    Mi piace

    1. Buongiorno. premetto che non è facile rispondere in maniera esaustiva a tutti i vari spunti sollevati. Come psicologo non ho mai cercato di convincere un paziente ad essere contento del Mondo, visto che questa è un’impresa piuttosto ardua. Purtroppo come psicologo non posso neanche cambiare il Mondo, ciò non rientra nel mio mandato. Il Mondo resta tale e quale, è vero, ma al tempo stesso se una persona vuole cercare di ridurre il malessere o non farsene sommergere, parlare con un professionista può essere utile per trovare autonomamente le proprie risposte e difese al Mondo. Il fatto che le cause esterne non siano modificabili (almeno nell’immediato) non preclude la possibilità di vivere meglio il mondo interno, per quanto condivida l’amarezza per un contesto sociale, storico ed economico piuttosto sconfortante

      Mi piace

  3. La psicologia può essere d’aiuto in certi casi e circostanze particolari. Ma sono molto più numerosi i casi in cui non dico che sia inutile, ma quasi. Forse è l’ambito in cui è più facile verificare la differenza tra gli effetti reali di una terapia appropriata ed il classico “effetto placebo”. Ma forse sono io ad essere un po’ prevenuto sull’argomento. Ricordo che da ragazzo (forse ero al ginnasio) mi capitò di leggere un libretto sulla psicologia, con diversi articoli di vari autori americani; una specie di riassunto di diverse teorie e tecniche terapeutiche. Una vecchia edizione ingiallita di prima della guerra, scovata in edicola; uno dei primi libri acquistati con i miei soldini. Lo ricordo ancora come una specie di summa di sciocchezze spacciate per scienza. Forse è da allora che mi è rimasta una specie di diffidenza nei confronti di tutto ciò che tratta la mente umana, che è il vero argomento di fondamentale importanza e che spesso, viene trattato in maniera sempliciotta con articoletti da rotocalco rosa da leggere in spiaggia sotto l’ombrellone. Roba per adolescenti o casalinghe disperate che passano con indifferenza dalla psicologia alle ricette di cucina, alle diete dimagranti, ai preziosissimi consigli su come incontrare l’uomo perfetto, il principe azzurro, e vivere a lungo felici e contenti. E mi riferisco anche ad autorevoli scrittori di successo. Per esempio Raffaele Morelli al quale dedicai un post a maggio 2006 (Come vivere felici con 5 euro), dopo aver letto un suo libro “Ciascuno è perfetto”. Mai lette tante sciocchezze in un solo libro. Ora chiudo, non voglio annoiarlo oltre. Buona serata.
    Se vuole può leggere qui il post:
    https://torredibabele.blog/2006/05/25/come_vivere_felici_con_5_euro_1745623-shtml/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...