Orfeo, Euridice ed l’impossibilità del Lutto, cosa ci può dire il Mito?

Hanna-Liisa-Kirchin-Orfeo-Nazan-Fikret-Euridice-LFO-Orfeo-ed-Euridice-2017-cr-Matthew-Williams-Ellis-47[1]Questo mito nella sua essenzialità ci dice molto del Lutto, a partire dal sentimento più importante collegato ad una perdita: l’impossibilità, soprattutto nell’immediato, di accettare questa mancanza, Orfeo è disperato, non riesce proprio ad accettare questa separazione, non riesce ad immaginare una vita senza Euridice, non riesce a realizzare la perdita, senza di lei sembra quasi mancargli l’aria. Egli nega l’accaduto, e pur di non guardare in faccia la reltà sfida l’impossibile, e scende nell’Ade. Come dice lo stesso Ovidio nelle Metamorfosi, Orfeo ha una sola disgrazia, ama troppo la sua sposa, di cui nega e non accetta la Morte. Il mito greco quindi, con la sua estrema delicatezza e grazia, ci descrive molto bene lo stato emotivo di una persona in lutto, condizione nella quale il dolore sembra così grande da cancellare tutto il resto. La discesa nell’Ade sembra anch’essa molto simbolica e significativa, forse con questa metafora il mito vuole dirci che la persona in lutto deve compiere (nel tentativo di uscirne) un viaggio nella Morte ed il suo Mondo di sofferenza, tenebre ed ombre; forse è proprio questo contatto con l’idea ed il Mondo dell’Aldilà un elemento centrale del Mito, oltre che una delle principali spiegazioni della follia in cui alla fine cade il poeta. Molti miti infatti, narrano che dopo la visione dell’Aldilà egli non sia più stato lo stesso, come se durante quel viaggio avesse visto troppo.

Orfeo, Euridice ed il lutto: la condizione di solitudine

Fin dall’inizio del Mito inoltre viene fuori un altro elemento, ulteriormente messo in risalto dall’epilogo della storia: la condizione ed il vissuto di profonda solitudine della persona che deve fare un lutto, solitudine che in questi momenti sembra quasi diventare una volontà e desiderio, al fine di poter rimanere con la compagnia intima e privata del ricordo, nel tentativo di rimanere in contatto con ciò che si è perso. Inoltre per tutto il mito notiamo altri elementi, come il fatto che Orfeo non riesce a pensare ad altro che ad Euridice. Se il lutto infatti è una condizione di vita così dura è anche perché è legato al pensiero fisso, al ritorno costante delle stesse immagini, pensieri ed emozioni legate alla persona persa. Il problema del lutto quindi è la presenza di pensieri fissi che non riescono ad uscire dalla nostra testa, ma anche dei sentimenti molto intensi e forti, che sembrano pervaderci con forza e costanza. Andando avanti nell’analisi del Mito, arriviamo al momento decisivo, ossia quando Orfeo sta per riportare Euridice nel Mondo dei Vivi, ma disgraziatamente si gira. Egli, a causa del suo troppo amore, deve separarsi una seconda volta da Euridice, e ciò lo poterà ad una vita di solitudine e disperazione. E’ qui che vediamo il fulcro del lutto, legato al fatto che quando non riusciamo a separarci da un oggetto d’amore ed accettarne la perdita, siano ahimè condannati a non vivere, non poter riprendere a gioire della vita, precludendoci la possibilità di aprirci a nuove relazioni d’amore e sostegno. La mente nel lutto patologico rimane legata all’oggetto d’amore perso, da cui è difficile allontanarci, come se ciò possa essere una forma di “tradimento”.

Orfeo, Euridice ed il lutto: il messaggio del mito

Il mito in tal senso sembra trasmetterci il messaggio che poi verrà ripreso dallo stesso Freud circa 2000 anni dopo: la separazione e la perdita sono dure, ma solo passando attraverso questo dolore potremo riprendere a vivere ed amare. In ultima analisi quel che mi preme sottolineare è che nel mito viene riportato il caso di un lutto fisico, per quanto sia importante ricordare che a volte anche altri tipi di separazioni non legate alla scomparsa fisica possono creare dinamiche mentali simili a quelle provate dal poeta Orfeo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...