Rap, devianza e paranoia: la storia di Tupac Amaru Shakur, Introduzione

“Se non hai qualcosa per cui vivere, trova qualcosa per cui morire”

Tupac Amaru Shakur


Nei 2-3 anni passati nelle comunità per dipendenze da sostanze e nelle comunità minori come educatore, in concomitanza con esperienze di tirocinio e altri volontariati in tali ambiti, ho avuto la possibilità di entrare in contatto con un ambito particolare della salute mentale, ossia quello inerente il tentativo di cura delle psicopatie.

Per psicopatia da un punto di vista clinico si intende i casi dove vi può essere la compresenza di dipendenza da sostanze, problemi con la giustizia/anti-socialità, devianza, impulsività, emotività pronunciata e non sempre gestibile, ecc…; si tratta di uno dei campi più impegnativi dell’assistenza sociale, dove non sempre è possibile migliorare la situazione o vedere un significativo cambiamento, tant’è vero che in tal ambito i servizi curanti lavorano più in un’ottica di “riduzione al danno” piuttosto che in una di “guarigione” o risoluzione completa e definitiva dei problemi.

Questo “Universo” della devianza presenta sue leggi, morali, valori e codici espressivi e d’onore, comportamenti e lingue, ma anche sofferenze, limiti e problematicità, come siamo costretti a constatare davanti a situazioni di forte disagio o marginalità sociale, dove questo tipo di problemi o comportamenti si presenta e sviluppa.

Al temo stesso tale correlazione fra degrado/povertà sociale e devianza merita considerazioni molto più approfondite rispetto a quanto si possa fare in questi articoli. Per presentare questa tematica a suo modo particolare partiremo dalla vita e l’opera di Tupac, rapper americano che nel bene e nel male ha incarnato molti degli aspetti sopra discussi: attraverso la sua storia personale si cercherà di dare un’idea e rappresentare al meglio del fenomeno sociale, che in alcuni casi presenta anche un forte risvolto clinico.

 

img5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...