Il Contatto con la Natura nell’Orto: alcune riflessioni

 

Nell’Orto il contatto con la Natura permette di esperimentare un rapporto di cura: la cura della pianta però implica un particolare ritmo, quello lento e naturale della crescita vegetale. Bisogna dare piccole e delicate cure in maniera sufficientemente costante alla pianta, per permetterne la migliore crescita. Questo vuol dire forse che anche noi dovremo curare noi stessi con piccole e delicate attenzioni quotidiane, come quando entriamo in contatto con la Natura in Orto? Penso che alla fine ognuno di noi abbia la sua maniera di darsi delle attenzioni, ognuno la costruisce in base alla sua esperienza, carattere, gusti, ecc….; d’altro canto la presenza di questo tipo di attività in molti contesti di cura sembra indicare che anche il metodo naturale dell’orto ha i suoi vantaggi e punti di forza, e che la possibilità di vivere con lentezza e naturalezza almeno alcuni momenti delle nostre giornate aumenti il proprio benessere di vita.

Il contatto con la Natura in Orto: l’intermediazione del Corpo
Oltre a ciò vi è anche un contatto diretto e naturale fra il nostro corpo e gli altri elementi naturali: le mani mescolano lavorano la natura, diserbano il campo, sulla pelle rimane la terra, la bagna l’acqua, mentre il sole ci illumina e riscalda insieme alle piante stesse. Il corpo prova la fatica, sente i suoi limiti e ne percepisce le sensazioni, scoprendo dopo tutto ciò che questa forma di affaticamento può essere tollerato, anzi, ci può permettere di crescere e acquisire nuova forza, non solo a livello fisico ma anche a livello mentale. In fin dei conti, persino Freud affermava che il primo Io è “un Io Corporeo” (Freud, 1922), il contatto con la Natura in Orto ci permette quindi di sentire e vivere bene il proprio corpo, parte fondamentale della nostra esistenza. Inoltre se questo lavoro è stato fatto a lungo e regolarmente, se il tempo è stato buono e favorevole, alla fine possiamo godere dei risultati del nostro lavoro. Ciò ha un importante valore psico-educativo, perché mostra che a volte se ci prendiamo cura di noi stessi con dedizione, naturalezza ed un po’ di costanza, alla lunga e sapendo aspettare potremo godere di un maggiore benessere. Al tempo stesso il fatto che questo risultato dipenda anche dalla bontà del tempo permette di immaginare che nella vita non tutto dipende da noi, visto che vi sono mille altri fattori che non possiamo sempre controllare. Fatte queste riflessioni, penso sia importante dire che ognuno ha la sua personale interazione con la natura, caratteristica che permette ad ognuno di noi di chiedersi cosa possiamo ricavare dal contatto con essa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...